domenica 13 febbraio 2011

LIVORNO 2011 - di Cesare Serrini

http://3.bp.blogspot.com/_SoKNuSRM_F8/TUWaowZMVFI/AAAAAAAAEko/RhTrKA457Ug/s1600/90%25C2%25B02.jpg
http://1.bp.blogspot.com/_SoKNuSRM_F8/TUWYnrdr6KI/AAAAAAAAEkg/Q9HqSEDrwyo/s1600/90%25C2%25B0.jpg



Il rilancio della idea di un grande partito popolare, di sinistra, collegato ai valori del socialismo europeo.

Questo in sintesi è lo scopo dell’appuntamento di Livorno del prossimo 19 febbraio.

Si tratta del primo convegno del Network per il Socialismo Europeo – a cui molte associazioni di area laica e socialista italiane hanno aderito, tra queste il “Pertini” del quale mi preme evidenziare dunque la importanza.

L’evento, come mi ha confermato Lanfranco Turci, è volto a coinvolgere quanti, a sinistra, pur impegnati in formazioni diverse, o anche in nessuna, sono tuttavia insoddisfatti dell’attuale assetto della sinistra e interessati perciò ad una sua riorganizzazione sul modello europeo.

La riflessione dalla quale l’iniziativa muove interpreta a mio avviso in modo efficace le aspettative diffuse sopratutto ma non solo in quella parte della società italiana che – sintetizzo – non si rassegna alla pochezza dei due poli dominanti,che non è disponibile a delegare il futuro del Paese a movimenti neo centristi dominati da obsolete nostalgie democristiane e da ex frequentatori non occasionali di pellegrinaggi lungo le colline di Predappio ( sia chiaro Predappio (Forlì-Cesena) non Predazzo), tanto meno a (dis)valori dipietreschi.

Se fossi Nencini recepirei allora gli obiettivi del convegno, li renderei parte integrante della linea politica del Psi e mi spenderei con passione ed impegno per contribuire a dare, come si dice, corpo e gambe alla prospettiva che nasce.

La stessa cosa farei se fossi Luciano Vita.

Per ora, tornato nei miei panni, mi limito ad allegare il programma di Livorno.

Cesare Serrini


3 commenti:

  1. Caro Cesare,
    innanzitutto ti ringrazio per l'invito che mi hai trasmesso, ne condivido pienamente le finalità e per quanto mi riguarda esso conferma quello che è il mio "orizzonte politico", cosa che avrei reso pubblico se in sede congressuale regionale me ne fosse stata data l'opportunità.
    Come sai il congresso regionale si è svolto senza che potessi intervenire(per come sono andate le cose ho potuto dare soltanto un saluto e ringraziamento finale dopo essere stato eletto segretario). Sono consapevole dello stato comatoso della sinistra italiana, e nella scaletta del mio intervento(cosa che ho fatto in alcuni congressi provinciali) il mio punto fermo è la creazione di un partito socialista europeo, di cui il PSI o come auspicabilmente potrà chiamarsi dopo aver"raccolto tutte le varie anime socialiste sparse in Italia, ne sia una emanazione territoriale, nella prospettiva di una Unione Politica Europea(penso agli stati uniti d'Europa, con una sua costituzione, un suo parlamento) che sappia e possa competere nelll'era della globalizzazione con le grandi potenze economiche mondiali (USA, Cina, India e Messico).
    Per quanto mi riguarda il mio impegno politico nel PSI Marchigiano e non solo, ti garantisco avrà quell'orizzonte.
    Purtroppo nei giorni 18 e 19 Febbraio p.v. sono impegnato a Firenze al consiglio Nazionale della UISP di cui sono componente; tuttavia proprio perchè interessato alle tematiche in discussione , farò di tutto per fare in modo che da Firenze possa raggiungere Livorno, almeno dal primissimo pomeriggio. Se tu ci sarai ci vediamo la.
    Fraterni saluti,

    Luciano Vita

    RispondiElimina
  2. Carissimo Compagno Serrini,
    Condivido in toto la tua nota in merito al CONVEGNO DI LIVORNO 2011.

    Premetto anzitutto che insieme all'associazione SOCIALISMO E SINISTRA, alla LEGA DEI SOCIALISTI nazionale....strutturata nei territori con le locali
    (VEDI LEGA DEI SOCIALISTI MARCHE)
    http://legadeisocialisti-marche.blogspot.com
    Abbiamo strutturato "IL Network per il Socialismo Europeo" e guarda caso che i primi organizzatori dell'evento di Livorno sono i Compagni della LEGA DEI SOCIALISTI.

    Purtroppo il PSI ufficiale non sara' presente all'evento salvo il compagno FRANCO BARTOLOMEI della segreteria Nazionale, in rappresentanza della SINISTRA SOCIALISTA.

    Comunque esiste una spiegazione in merito alla latitanza di NENCINI..
    Guarda caso i compagni della LEGA DEI SOCIALISTI DI LIVORNO...non sono altro che la ex federazione provinciale del PSI Livornese....
    ESPULSA IN TOTO dal Segretario Regionale della Toscana "Ciucchi" quando si sono permessi di dissentire in merito alla svendita del PSI e del Progetto di SeL, per due posizioni da consigliere Regionale in Toscana nel listino del PD e un posto da ASSESSORE AL BILANCIO...per il grande intellettuale non che' scrittore RICCARDO NENCINI.....!!!

    Quindi Caro Cesare, NENCINI non sara' presente al convegno di Livorno e tantomeno la linea Politica del PSI sara' quella che auspichiamo da sempre....
    " LA SINISTRA SIAMO NOI SOCIALISTI" senza se e senza ma !!!

    Natuaralmente spero di sbsgliarmi e vedere il PSI in prima linea per la ricostruzione di un grande movimento di Sinistra nel Socialismo Europeo e nell'internazionale Socialista !!!

    Salvo problemi dell'ultima ora....ci vediamo a Livorno !!!

    Peppe Iacopini

    RispondiElimina
  3. Cari compagni tutto ciò che avviene in nome del socialismo è un bene. Il confronto di idee tra diverse composizioni socialiste è sempre positivo. Ci vuole però una spinta forte e nuova campagna di idee anche dirompenti e che sappia parlare direttamente all’intelligenza ed al cuore di tutti i cittadini. Non è facile me ne rendo conto. Dal 94 ad oggi nulla è cambiato anzi siamo ad un degrado economico e morale senza precedenti. Le fasce di povertà aumentano e quello che potrà avvenire è ancora più preoccupante. Dobbiamo trovare una coalizione di idee e di uomini e donne senza barriere di idee il momento è troppo importante per la nostra italia. Non potrò essere a livorno in quanto impegnato in importante convegno in comune sui risultati sperimentati nel mio territorio sulle cardiopatie. Mi piacerebbe conoscere le risultanze del convegno. Dal livorno si dovrebbe ripartire da un turati riformatore ad un turati rivoluzionario.

    Dario

    RispondiElimina

TUTTI I POST - ARCHIVIO