sabato 12 maggio 2012

ELEZIONI. NEL LAZIO E NELLE MARCHE IL PSI AL 4%

A giudizio di Giovanna Miele, coordinatrice del Psi del Lazio: "L' esito del voto nelle amministrative del 6 e 7 maggio è per i socialisti laziali certamente lusinghiero. Il lavoro, la passione e la serietà pagano sempre.
Il risultato del Lazio,- osserva Miele - con il Psi che si attesta al 4%, è il portato del costante e duro impegno di quanti hanno saputo lottare contro l'oscuramento mediatico e i sondaggi mantenendo saldo il rapporto con i cittadini e il territorio.
Nella regione il Psi, con il 4%, è il quinto partito dopo Pdl e Pd che, flettendo vistosamente, si attestano al 14, Udc al 7% e Idv al 4,2%.
Inoltre - sottolinea l'esponente socialista - il Psi supera di oltre un punto il risultato di Sel, Fds e Movimento 5 stelle, mentre Api, Fli e Verdi si fermano al di sotto dell'1%. Oltre agli ottimi risultati conseguiti a Frosinone, Rieti e Ceccano particolarmente significativo è il 3,89% raggiunto dalla lista del Psi a Civitavecchia.
"Nelle Marche i socialisti confermano ed anzi migliorano il risultato elettorale delle regionali 2010 raggiungendo il 4.2%".
Così il segretario regionale del Psi delle Marche Luciano Vita si dice: "Molto soddisfatto dell'esito delle amministrative a conferma che la forza socialista è radicata su tutto il territorio marchigiano ed ottiene lusinghieri risultati . Si è tratta -ha proseguito Vita - di un chiaro segnale al Presidente della Regione Gianmario Spacca, che deve prendere finalmente atto che i socialisti nelle Marche, a differenza di qualche altra forza politica della sua maggioranza, sono stati coerentemente sempre alleati con i candidati sindaci del centro sinistra che lo sostiene in Regione".

Nessun commento:

Posta un commento

TUTTI I POST - ARCHIVIO