martedì 27 novembre 2012

ADDIO AL COMPAGNO "CESARE SBRASCINI"

CIVITANOVA MARCHE - L'ex sindacalista della Cgil, già presidente della Cassa Edile di Macerata e storico esponente del Psi si è spento all'età di 66 anni nell'ospedale del capoluogo.


Martedì 27 novembre 2012 - Civitanova Marche perde uno degli amministratori ed esponenti politici storici: questo pomeriggio è deceduto a Macerata, dov’era ricoverato, Cesare Sbrascini. L’uomo, che aveva scoperto di essere malato da circa 8 mesi, lascia la moglie Michela e le figlie Alessandra e Monica. Storico dirigente del Psi, recentemente si era candidato a sostegno di Antonio Pettinari, nella lista “La nostra Provincia” guidata da Massimiliano Sport Bianchini, che lo ricorda come “un uomo per bene, d’altri tempi e dalla grande umanità”. Sbrascini si iscrisse giovanissimo al Partito Socialista, negli anni della contestazione. Già dirigente sindacale della Cgil, è stato Presidente della Cassa Edile di Macerata e dell’Atac di Civitanova. All’interno del partito ha ricoperto numerosi incarichi, dalla segreteria locale di Civitanova a quella nazionale: nel 1995 firmò, insieme ad altri 7 esponenti del Psi della provincia di Macerata, un appello per ricreare il partito sulle pagine del Corriere della Sera.


Ivo Costamagna, presidente del consiglio comunale di Civitanova Marche e suo compagno di partito lo ricorda commosso: “Il giorno che mi iscrissi al Partito Socialista, il 19 giugno 1976, mi controfirmò lui la domanda di iscrizione, perché all’epoca bisognava essere presentati da un compagno. Già lo conoscevo da prima perché frequentava mio padre. Quando diventai sindaco di Civitanova, a 22 anni, Cesare collaborò quotidianamente con me. C’è stata un’amicizia fraterna, un insieme di battaglie per questioni politiche e amministrative a Civitanova. Portò l’Atac in pareggio ed ebbe l’intuizione che quella dovesse essere l’azienda che unificasse i servizi; 25 anni dopo la sua idea, che allora venne percepita come bramosia di potere, verrà realizzata per volontà politica e perché lo prescrive la legge. Era ancora estremamente lucido, due settimane fa lo andai a trovare a casa sua insieme al sindaco Corvatta, del quale era stato uno dei principali sponsor. Ci mancherà tantissimo”.

LA CAMERA ARDENTE E' GIA' ALLESTITA PRESSO L'OBITORIO DELL'OSPEDALE CIVILE DI MACERATA. I FUNERALI SI SVOLGERANNO GIOVEDI' 29/11 ALLE ORE 15,00 PRESSO LA CHIESA DI SAN PIETRO A CIVITANOVA MARCHE. LA SALMA GIUNGERA' IN CHIESA MEZZORA PRIMA PER DARE MODO A TUTTI, FAMILIARI, AMICI E COMPAGNI DI POTER SALUTARE "CESARE".

3 commenti:

  1. PSI - CIVITANOVA MARCHE28 novembre 2012 19:03

    CI HA PREMATURAMENTE LASCIATI IL COMPAGNO

    C E S A R E S B R A S C I N I

    I Socialisti e tutti i sinceri Democratici inchinano profondamente
    commossi le loro bandiere dinanzi ad uno dei protagonisti della vita
    politica, sociale ed amministrativa di Civitanova Marche e dell'intera
    Provincia di Macerata
    CESARE è stato un Dirigente sia Sindacale, della CGIL, e sia politico,
    del PSI, oltre che Presidente dell'Atac ma era, innanzitutto, un
    MILITANTE SOCIALISTA, che ha sempre e solo lottato dalla parte dei
    lavoratori e per gli ultimi.
    UN UOMO GIUSTO ED ONESTO CHE HA SEMPRE AMATO LA SUA GRANDE FAMIGLIA. A
    tutti i suoi cari ci stringiamo con affetto condividendo con loro
    questo grande dolore.
    CESARE NON TI DIMENTICHEREMO MAI !

    RispondiElimina
  2. Gaetano VERGARI28 novembre 2012 19:05

    Caro Ivo,
    partecipo con commozione e cordoglio al tuo, al nostro dolore.
    Per ogni Compagno che se ne va, perdiamo un pò di noi stessi ma quello che più mi strazia è di non vederne arrivare di nuovi, soprattutto giovani, per dare continuità al nostro futuro politico. Patisco questo dolore, però, nella certezza che il nostro pensiero, a sinistra, sia quello giusto e che, ineluttabilmente, nel tempo prevarrà.
    Non cediamo allo sconforto del momento ma rafforziamoci nella speranza del futuro.

    RispondiElimina
  3. Luciano Vita - Segretario Regionale PSI Marche28 novembre 2012 19:08

    Mi associo alle parole del compagno Vergari ed al dolore personale di Ivo Costamagna.

    Ho conosciuto Cesare circa cinque anni fa, ma lo ho potuto apprezzaree per la sua preparazione e sobrietà politica in modo particolare con le elezioni provinciali di Macerata ,durante la battaglia delle primarie a Civitanova Marche e successivamente con la vittoria di Tommaso Corvatta a sindaco della Città.

    Il Partito socialista perde un grande compagno che fino agli ultimi istanti della sua vita ha voluto dare i suoi consigli al sindaco ed a Ivo; era cosciente che non gli era rimasto molto da vivere, ma i suoi pensieri andavano a Civitanova Marche, la sua città.

    La sua lunga militanza nel PSI,coniugata fino all'ultimo con la saggezza delle sue idee,moderne ed innovatrici, sia da monito in questi giorni in cui anche il nostro partito è impegnato per le primarie, che non sempre l'età anagrafica è sinonimo di rinnovamento e di modernità.
    Ciao Cesare, mi sento onorato di averti conosciuto ed apprezzato.

    RispondiElimina

TUTTI I POST - ARCHIVIO