venerdì 2 ottobre 2009

LIBERI DI DIRE, LIBERI DI SCRIVERE

LIBERI DI DIRE, LIBERI DI SCRIVERE


Un paese che non è informato, un paese che non sa e che non può scegliere, è un paese senza libertà. Domani appuntamento alle 15.30 a P.zza del Popolo a Roma per la manifestazione nazionale in difesa della libertà d’informazione

02/10/2009 - Di cosa siamo liberi in questo paese? Di maledire i telegiornali di regime? Di masticare amaro per la quotidiana rassegna di interviste deferenti e di cronache ubbidienti al governo? Siamo liberi di non comprare i giornali che non ci piacciono, di tener spenta la televisione, di parlar d’altro?

Non è libertà, questa: è rassegnazione. Contro questa rassegnazione, contro il vizio di voltarsi dall’altra parte, domani Sinistra e Libertà sarà in piazza. Vogliamo che questo paese si riprenda la liberta di dire, di scrivere, di leggere, di avere opinioni. Libertà di essere informati: perché non lo siamo affatto. E non solo per colpa della stampa e dei tg di Berlusconi. Attorno a noi vediamo troppi giornali che si sono trasformati in un partito: e quando diventi la gazzetta di un segretario, poco importa che quel segretario sia di destra o di sinistra. E’ quello che rimproveriamo a Repubblica, giornale autorevole ma politicamente fazioso, convinto a torto che oscurare le ragioni della sinistra italiana sia buon giornalismo.

E’ l’informazione nel suo complesso che s’è indebolita in Italia: e questo pessimo governo ha avuto buon gioco nel metterle la cavezza, nel fissare per legge limiti, proibizioni, soglie, divieti. Oggi sappiamo quali fatti è lecito raccontare e quali fatti i giornalisti devono tacere per non finire in galera. Accadeva così in tempi di partito unico. Ma quel partito rimase l’unico perché troppi italiani, anche dall’opposizione, finsero di non capire.

Non vogliamo che accada di nuovo. E dunque domani saremo in piazza: perché - da cittadini e da militanti politici - sentiamo l’urgenza di far ascoltare la voce di tutti. Un paese che non è informato, un paese che non sa e che non può scegliere, è un paese senza libertà. Costretto a non capire e a dimenticare. Un paese così a noi fa paura.

Per tutte/i le/i militanti di Sinistra e Libertà l’appuntamento è alle ore 15.30 davanti al Bar Canova di Piazza del Popolo a Roma

SCARICA IL PDF DEL VOLANTINO DI ADESIONE DI SL - fronte

SCARICA IL PDF DEL VOLANTINO DI ADESIONE DI SL - retro


Nessun commento:

Posta un commento

TUTTI I POST - ARCHIVIO