martedì 8 dicembre 2009

LO DOBBIAMO FARE NOI !!!

LO DOBBIAMO FARE NOI !!!


di Peppe Iacopini*

Si continua a far politica, anche nel mondo Socialista solo ed esclusivamente per mantenere posizioni personali o addirittura guardando solamente, non piu' lontano della punta de naso !
Nella situazione in cui ci troviamo, se effettivamente non vogliamo confluire nel PD (Non sara' sicuramente il mio caso) l'unica strada da percorrere, che sicuramente ci dara' quella autonomia a Sinistra, di cui ci riempiamo la bocca da sempre.....E' un percorso unitario insieme a coloro con cui lo abbiamo gia' iniziato, che hanno le nostre stesse idee di Socialismo ma non riescono ancora a rendersene conto o alcuni dopo le tragedie del passato,hanno addirittuara paura di questo nome....(Parlo naturalmente di SeL) occupando uno spazio Socialista Fondamentale all'interno del percorso stesso....anche perche' (Non mi stanchero' mai di ripeterlo) non possiamo ancora insistere con i nostri Compagni Virtuali del partitino PSI (ormai ad uso e consumo di singoli) sulla bonta' di SeL, ma dobbiamo convincere i nostri eventuali Compagni di percorso che l'unica strada da seguire e' il SOCALISMO !!! Quindi dobbiamo lavorare per arrivare senza fretta (I gatti furiosi fanno i figli cechi) a Rifondare un Grande Partito di massa, di Sinistra, Socialista, che superi tutte le divisioni, cominciando da quella storica del 1921 !!! Non sara' facile, ma tutti, con pazienza e lungimiranza, si dovranno convincere che e' l'unica strada e spazio rimasti......Dovevamo farlo prima ? Non lo ha fatto Occhetto con la sua Bolognina, Non lo ha fatto D'Alema con le sue Cose 1,2,3, Non e' riuscito a Craxi con la sua Unita' Socialista.....Non lo fara' mai il PD che purtroppo, non ha nulla a che fare con il Socialismo !!!!

LO DOBBIAMO FARE NOI !!!

MAGARI ENTRO IL 2011, in occasione dei 90 Anni della scissione di Livorno.......CE LO CHIEDE LA STORIA !!! CE LO CHIEDNO LE NOSTRE GIOVANI GENERAZIONI, CHE NON HANNO VISSUTO LE LACERAZIONI!!! CE LO CHIEDE L'ATTUALE SITUAZIONE POLITICA !!!

QUINDI, AVANTI COMPAGNI, W IL SOCIALISMO !!!!

Da sempre Socialista*


19 commenti:

  1. Concordo con molte delle considerazioni che il compagno Iacopini sviluppa nel Post precedente che, tra l'altro, con la "sua" foto dimostra che persino i cani si sono convinti, con il simbolo della Rosa Rossa Europea, a diventare... socialisti ;-)
    Quello della foto, poi, oltre che intelligente è anche bello.

    Due qualità (intelligenza politica e la "bellezza" che va intesa come capacità di rapporti interpersonali) che, purtroppo, mancano, come anche Peppe mi sembra che riconosca, a tanti nostri interlocutori dentro SEL.

    Cambieranno e diverrano socialisti come il... cane di Peppe? Me lo auguro e lavoreremo anche per questo.

    Solo una cosa, però fondamentale, voglio precisare rispetto alle considerazioni del compagno Iacopini.

    Tutto il lavoro che lui prospetta per il futuro e che, lo ripeto, nella sostanza condivido, non si potrà fare abbandonando e demolendo l'unico partito, per quanto piccolo e pieno di difetti, che, OGGI, da voce ai valori ed alle idee della Sinistra LiberalSocialista, l'unico partito che, inoltre, è legittimo erede di 117 anni di lotte per la Giustizia e la Libertà: il PARTITO SOCIALISTA ITALIANO.

    COME POSSIAMO CONVINCERE "GLI ALTRI" SE NON CREDIAMO IN NOI STESSI?

    Di "socialisti" in giro ce ne sono di tutti i... "tipi", proprio per questo occorre ancora mantenere viva ed attiva la nostra Comunità Politica, quella del PSI, a partire dal Tesseramento e dalle Manifestazioni per ricordare l'attualità del pensiero di PIETRO NENNI e BETTINO CRAXI a cui dobbiamo organizzarci per partecipare noi e, magari, far partecipare i compagni di SEL.

    Ivo Costamagna
    Iscritto al PSI da sempre...
    "per sua stessa ammissione"

    RispondiElimina
  2. Credo che sia l'ultima volta che si possa lavorare e combattere su due fronti: dentro SeL per valorizzare le ragioni e le prospettive del Socialismo, condividendole con altri, e all'interno del PSI, per incrementare il dissenso rispetto alla conduzione attuale, in vista di un appuntamento congressuale in cui, comunque, certi nodi dovranno essere sciolti
    AUT AUT
    Vuol dire o Socialismo o morte! Civile innanzitutto..

    RispondiElimina
  3. Giuseppe Giudice11 dicembre 2009 18:45

    Cari compagni, dobbiamo riportare il Socialismo nella sinistra. E' indispensabile per la sinistra stessa, altrimenti essa resta un semplice luogo geometrico senza progetto. Ma dobbiamo riportare il nostro socialismo ripulito e liberato da quelle mistificazioni che lo hanno reso irriconoscibile e fatto su misura per un gruppo di miserabili accattoni della politica.
    Avremo tanto più credibilità e successo nella nostra battaglia dentro SeL e dentro tutto ciò che è rimasto della sinistra se sapremo liberare fino in fondo il socialismo da Nencini e c. Il ruolo di una associazione nazionale dei socialisti per la sinistra va più che mai preso in considerazione sia per dare un contributo al progetto di SeL sia per elevare il tono politico-culturale dell'intera sinistra.

    RispondiElimina
  4. Manrico Macilenti11 dicembre 2009 18:45

    Intanto aspettiamo il 19 e 20, sperando che si cominci a capire queste condizioni.....

    RispondiElimina
  5. Simona Sacchetti11 dicembre 2009 18:46

    Ok sono d'accordissimo, ma come fare per farlo?

    RispondiElimina
  6. Carissima Simona,
    l'unico modo per farlo e' Lavorare per il Socialismo,instancabilmente
    senza indugi,dentro SeL...
    l'unico spazio di sinistra credibile esistente !!

    RispondiElimina
  7. Montauti Luciano11 dicembre 2009 18:47

    Sono d'accordo con Carolus, sono 2 i fronti su cui saremo impegnati e lo faremo con grande passione e tanto duro lavoro....ma ce la faremo !

    RispondiElimina
  8. Roberto Ballerini11 dicembre 2009 18:48

    E' inutile dire che non c'è da lasciarvi nessuna porta aperta. Sinistra Ecologia e Libertà è anche il vostro partito...

    RispondiElimina
  9. Credo che la nostra associazione SOCIALISMO E SINISTRA possa davvero essere lo stato maggiore della lotta da combattere su questi fronti. Abbiamo dei validi combattenti, il coraggio non ci manca, e allora non resta che avere fiducia, restare uniti tra noi, e combattere..hasta la victoria, siempre!

    RispondiElimina
  10. Franco Bartolomei11 dicembre 2009 18:50

    Caro Giuseppe, condivido perfettamente il contenuto della tua nota, ed in particolare il tuo invito a prosegire nella esperienza di Sinistra e Liberta', superando ogni posizione di reciproca chiusura da parte di qualsiasi delle forze partecipi al suo progetto costituente.
    Sabato al Consiglio Nazionale del Partito abbiamo ottenuto un grande risultato dando espressione politica all'area dei compagni critici nei confronti del modo in cui la segreteria ha condotto il rapporto con SINISTRA E LIBERTA' ,attraverso la presentazione di un documento alternativo alle conclusioni della Direzione ed alla relazione del Segretario.Il documento presentato ha affermato la necessità che i Socialisti continuino il loro impegno negli organismi di coordinamento territoriali di SeL, e partecipino alla assemblea del 19 Dicembre ,come manifestazione di disponibilità a proseguire nella esperienza di SeL ,,pur con le necessarie puntualizzazioni rispetto ad un processo costituente che ha purtroppo subito alcune forzature da rivedre e sanare, ed anche come garanzia di fattibilità del maggior numero possibile di liste elettorali di SINISTRA e LIBERTA nelle regioni italiane.
    Abbiamo voluto rappresentare questa posizione politica , che ha raccolto il voto del 20% dei componenti presenti dell'organo( 9 voti a favore contro 40 contrari e 4 astenuti) ,perche riteniamo sempre più che SeL rappresenti l'unico possibile progetto politico di rinascita della sinistra italiana che consideri il patrimonio politico , culturale, e programmatico , del SOCIALISMO ITALIANO il proprio imprescindibile elemento fondativo.

    RispondiElimina
  11. Giuseppe Giudice11 dicembre 2009 18:51

    Bello il paragone con Kautsky e Bauer. Sel ha certamente sofferto il pressing di una impazienza emotiva di una "base dei blog" che non ha capito che un partito nuovo non lo si improvvisa, che ha bisogno dei suoi tempi fisiologici che non possono essere nè troppo brevi, nè troppo lunghi. L'importante è avviare un processo costituente quale punto di non ritorno che proprio perchè è un processo costituente deve essere uno spazio aperto.
    Ma è anche vero che su certi atteggiamenti impazienti della base ha molto influito il costante atteggiamento provocatorio di Nencini che con tutta evidenza ha cercato dal primo momento di sabotare SeL perchè lui ha già raggiunto l'accordo con il PD. C'è, fra l'altro, una strana coincidenza tra l'attacco di Nencini ad SeL e l'attacco di D'Alema a Vendola. Insomma il PD vuole a tutti costi il fallimento di SeL. Preferisce avere alla sua sinistra l'inutile federazione di Ferrero. Proprio per questa ragione SeL va rilanciata, sapendo che comunque essa è solo un primo passo sia pur importante verso un soggetto largo della sinistra in cui sia evidente il contributo essenziale della cultura socialista.
    Operate pure sui due fronti, dunque. Io sono iscritto ad SeL e la tessera del PS non la riprenderei neanche se mi tagliano i coglioni! (se viveste in Basilicata nessuno di voi la prenderebbe). L'importante è coinvolgere il maggior numero di compagni creando una unica associazione nazionale che potrebbe unificare Socialismo e Sinistra (che sta facendo un lavoro splendido) ed il gruppo di Volpedo (non so se avete visto la nota di Sergio Ferrari e Renzo Penna).
    Comunque io credo che Nencini e C. il congresso non lo faranno mai!

    RispondiElimina
  12. Giuseppe Giudice11 dicembre 2009 18:51

    Comunque vi invito tutti a scrivere sul sito nuovo di Sinistra e Libertà. Non lasciatemi solo! E' importante far vedere (molti lo sanno) che c'è un'area Socialista che la pensa molto diversamente da Nencini. Anche perchè sul sito c'è un tale che continua costantemente a provocare (è un nenciniano) ed ad offendere SeL. il sito è www.sinistraeliberta.eu

    RispondiElimina
  13. Tengo a precisare che la battaglia su due fronti non si potrà protrarre all'infinito. Deve comunque portare ad uno sbocco, Tra l'altro anche il processso costituente di SEL con liste bloccate, non lascia presagire nulla di buono. Almeno il gruppo nostro e di Franco al CN non lo ha bloccato nessuno..
    Seguiremos adelante...

    RispondiElimina
  14. Giuseppe Giudice11 dicembre 2009 18:53

    Carlo nessun percorso è lineare. Problemi ve ne saranno sempre. SeL non è certo la panacea ma un percorso in cui credo dovremmo esserci cercando di migliorarlo perchè quantomeno SeL si pone il problema di costruire un soggetto che vada oltre i partitini. Altrimenti SD ed MPS facevano come Nencini con le loro siglette autreferenziali. Poi c'è una bella differenza ad avere leader Vendola piuttosto che Nencini. Ora per carità noi dobbiamo essere pronti a riconoscere tutti i limiti dei ceti politici della sinistra (questo è il vero problema: ceti tendenzialmente autreferenziali e base spesso irrazionale) è purtroppo la crisi profonda della politica nella II Repubblica che non si risolve d'incanto. Si tratta di scegliere il percorso più decente tra quelli proposti. Quello di Nencini è indecente perchè prefigura un PS tra PD ed UDC! V' piace u presepio (come diceva Eduardo)? O noi come socialisti di sinistra abbiamo la forza di fare un nostro autonomo movimento politico nazionale e mandare tutti a fare in ... (sarebbe l'ideale); un partito coeso ed omogeneo nella collocazione e nella cultura politica. Ma nelle condizioni di oggi è piena utopia. Quindi dobbiamo stare dentro a quei processi che hanno maggiore omogeneità con le nostre convinzioni (se vogliamo continuare a fare politica)

    RispondiElimina
  15. La nostra battaglia al c,n, ha dimostrato chiaramente che siamo in questo momento apertamente gli unici socialisti che non hanno remore a continuare il percorso in sel , a la spezia è molto probabile , se non certo, che venga eletto un socialista come delegato per l'assemblea del 19 , dobbiamo far si che tutti noi andiamo eletti il 19 ,altrimenti se siamo in pochi potremmo avere problemi con il partito , vista la linea attuale di non
    partecipazione, e non potremmo neanche incidere sulle scelte dell'assemblea.

    RispondiElimina
  16. Giuseppe Giudice11 dicembre 2009 18:54

    Il 19 inizia il processo costituente. Credo piuttosto che sarebbe utile che a Gennaio vi sia un convegno nazionale dei SOCIALISTI per il nuovo soggetto della sinistra.

    RispondiElimina
  17. "Giuseppe, sai che sono d'accordo con te, ma quando in occasioni come quella di Praga che restano importanti, non ci andrà solo il "partito di Nencini", allora potremo tranquillamente abbandonarlo al suo destino. Finché ci sarà un solo Partito Socialista accreditato in sede internazionale, dobbiamo lottare anche al suo interno.
    Ne vogliamo fare un altro che sia nell'Internazionale Socialista come se non meglio del PSI? MAGARI!!! ANCHE SUBITO SE E' POSSIBILE..
    Non è una questione di etichette, ma di prospettive di ampio respiro, di coordinamento internazionale, di "essere pienamente in Europa" dato che le macropolitiche ormai vengono da lì.."

    RispondiElimina
  18. "Oggi a Taranto assemblea Costituente e Coordinamento Provinciale per Sinistra e Libertà i Socialisti ci saranno!!
    Condivido pienamente la nota di Peppe Iacopini..superare Livorno!"

    RispondiElimina
  19. "L'unica cosa che non mi piace è la data indicata. il 2011. facciamolo entro giugno prossimo. Ma dovete voi portare dentro sel contenuti, modalità, strumenti di pensiero con pazienza, sapendo che il percorso è difficile (per le difficoltà a tutti note) ma non impossibile."

    RispondiElimina

TUTTI I POST - ARCHIVIO