venerdì 24 aprile 2009

http://www.sinistraeliberta.it/wp-content/uploads/2009/04/4.jpg
Buon compleanno a "Giuliano Vassalli"

24 aprile 2009 - Nel giorno in cui l’Italia festeggia il 64° anniversario della liberazione dal fascismo il professore Giuliano Vassalli spegnerà 94 candeline. Giurista e politico, professore universitario e ministro di Grazie e Giustizia in vari governi, l’esponente del Partito Socialista, per il quale è stata avanzata la richiesta di nomina di senatore a vita da politici e intellettuali, ha preso parte in prima persona alla Resistenza romana e dal 1943 al 1944 è stato uno dei membri del Comitato di Liberazione Nazionale. Per l’occasione il segretario del Partito Socialista Riccardo Nencini, esponente di Sinistra e Libertà, ha inviato una lettera a tutti i parlamentari per ricordare la figura, l’impegno e la passione politica di Vassalli all’interno delle Istituzioni.

“Giuliano Vassalli - si legge in un estratto della lettera che Nencini ha inviato a deputati e senatori - si è speso con generosità ed altruismo nell’arco della sua vita a difesa dei valori di democrazia e di giustizia della nostra Repubblica, interpretando il suo impegno come dovere morale prima di tutto verso la Patria. Dopo aver preso parte alla Guerra di liberazione nelle file della Resistenza romana, Vassalli organizzò l’evasione dello stesso Pertini e di Giuseppe Saragat dal carcere di Regina Coeli. Catturato dalle SS che lo rinchiusero nel carcere di via Tasso, vi restò, sottoposto a stringenti interrogatori e a tortura, sino alla liberazione della Capitale. Finita la guerra, dirigente Socialista, collaborò prima con Nenni e poi con Saragat.
Grande Ufficiale della Repubblica italiana, Cavaliere Medaglia d’Oro ai benemeriti della cultura e dell’arte, Vassalli venne eletto alla Camera dei Deputati nel 1968 e al Senato della Repubblica nel 1983. Ministro della Giustizia dal luglio del 1987 al gennaio del 1991, è considerato il padre del nuovo Codice di procedura penale del 1989. Nominato giudice costituzionale dal Presidente della Repubblica Italiana nel febbraio 1991, venne eletto presidente della Corte Costituzionale l’11 novembre 1999”.
“La nomina a senatore a vita del Professore Giuliano Vassalli – conclude Nencini - in quanto autentico rappresentante della storia della Patria, costituirebbe una conferma dell’importanza e dell’attualità che la tradizione democratica e la cultura repubblicana italiana ancora ricoprono nel nostro Parlamento”.


Nessun commento:

Posta un commento

TUTTI I POST - ARCHIVIO