sabato 30 maggio 2009

EUROPEE LOCATELLI, SULL’EUROPA
PIU’ DI DIECI DOMANDE A BERLUSCONI

30/05/2009 - “I giudici ‘eversivi’e il caso Mills, il rapporto con Noemi e le candidature delle ‘veline’, Berlusconi preferisce parlare di tutto, ma non ci dice mai nulla delle sue idee per l’Europa. E’ quanto afferma l’europarlamentare Pia Locatelli, capodelegazione del Ps a Strasburgo e presidente dell’Internazionale socialista donne. “Ci sono anche piu’ di dieci domande - continua la Locatelli, candidata nella circoscrizione Nord Ovest per la lista ‘Sinistra e Liberta’ - che aspettano una risposta chiara da lui. Per esempio dovrebbe dirci se l’Europa deve avere o no una sua capacita’ impositiva, una sua politica estera e di difesa comuni, come vede il futuro dei rapporti con la Russia di Putin, se sostiene l’allargamento alla Turchia, se bisogna fare un referendum per ogni nuovo trattato e se si deve costruire l’Europa federale, se e’ giusto, e quanto, aiutare banche e aziende a non fallire, continuare negli aiuti all’agricoltura al livello attuale, se e’ a favore di uno spazio europeo della ricerca. E molte altre domande ancora su immigrazione, diritti civili, droga, ambiente politiche energetiche e su tutte le misure indicate dall’Europa per promuovere l’occupazione femminile a partire dai servizi alle famiglie. Invece l’unica cosa certa che sappiamo - conclude l’europarlamentare Socialista - e’ che si e’ candidato in cinque circoscrizioni, ma non andra’ mai all’europarlamento”.


Nessun commento:

Posta un commento

TUTTI I POST - ARCHIVIO