venerdì 14 agosto 2009

ORA DI RELIGIONE. NENCINI:
LA SINISTRA SCIOLGA IL NODO DELLA LAICITA'


14/08/2009 - ''Il ricorso del ministro Gelmini contro la sentenza del Tar sull'insegnamento della religione nelle scuole, e' la conferma della passivita', se non della subalternita', che questo ministro, come il precedente Fioroni, ha nei confronti delle gerarchie cattoliche''. Lo afferma il segretario del Partito socialista Riccardo Nencini. ''Un brutto segnale - continua - non diverso da quello dell'ennesimo intervento della magistratura costretta a supplire a uno Stato che non sa, o non vuole, sciogliere nodi fondamentali come quello della laicita' e della liberta' religiosa. Questi nodi dovrebbero essere sciolti anzitutto nel centrosinistra, se davvero vuole proporsi come alternativa di governo credibile al centrodestra''. ''Anche per questo - conclude Nencini - il 28 agosto a Reggio Emilia potrebbe essere l'occasione non solo per festeggiare la prima esposizione pubblica del tricolore, ma per ribadire assieme al valore intangibile dell'unita' nazionale, anche quello della sua laicita'. Un appuntamento a cui dovrebbero essere presenti tutti i partiti del centrosinistra''.


CENTROSINISTRA: NENCINI,
CERCARE INTESA CON ESPULSI LISTA PER BOLOGNA


14/08/2009 - “L’espulsione dei promotori della lista ‘Cittadini per Bologna’, a cominciare da Gianfranco Pasquino, confermano le difficoltà nella costruzione del Partito Democratico, ma anche del centrosinistra a raggiungere una ricomposizione definitiva dopo il terremoto che ha fatto seguito a tangentopoli”. E’ quanto afferma il segretario del Partito socialista Riccardo Nencini. “I prossimi mesi – continua il leader socialista, esponente di SeL, possono essere utili per avviare, nella indispensabile chiarezza di riferimenti valoriali e programmi di governo, la ricerca di un’intesa che possa davvero servire all’obbiettivo comune di un rilancio di tutto il centrosinistra nel nostro Paese. Il progetto di Sinistra e Libertà – conclude Nencini - può rappresentare un approdo per quanti, come Pasquino, vogliono costruire una sinistra di governo laica, libertaria e ambientalista, in piena sintonia con le socialdemocrazie europee”.


Nessun commento:

Posta un commento

TUTTI I POST - ARCHIVIO