domenica 29 gennaio 2012

COMUNICATO STAMPA delle ASSOCIAZIONI SOCIALISTE sui lavori e le conclusioni del Seminario “LA SINISTRA DOPO MONTI ” tenutosi a ROMA IL 21 gennaio 2012


di Franco Bartolomei

Questa intesa del 21 Gennaio rappresenta il punto di partenza del nostro lavoro per la costruzione di una NUOVA GRANDE FORZA SOCIALISTA della SINISTRA ITALIANA .

Una Forza SOCIALISTA che divenga il punto di approdo della vicenda politica del SOCIALISMO ITALIANO, ed il terminale nel nostro paese del PARTITO del SOCIALISMO EUROPEO.

UNA FORZA SOCIALISTA, UNITA, LIBERA,AUTONOMA DAI POTERI FORTI, RAPPRESENTATIVA, CONVINTA CHE SOLO UN NUOVO MODELLO DEI RAPPORTI SOCIALI ED ECONOMICI PUO' SALVARE LA NOSTRA DEMOCRAZIA.

UNA FORZA SOCIALISTA e DEMOCRATICA del LAVORO e dell' INTELLETTO, per la PACE , LA LIBERTA', ed IL SOCIALISMO.

Ecco il testo del Comunicato Stampa emanato oggi 29 gennaio sui lavori e le conclusioni del seminario tenuto il 21 gennaio presso la Fondazione " NENNI":

In seguito all’appello lanciato dal Gruppo di Volpedo(GdV) il 24 settembre2011 i primi destinatari dell’appello,lo stesso GdV, Lega dei Socialisti(LdS), Movimento di Azione Laburista(MAL) e Network per il Socialismo Europeo(NSE) hanno organizzato il 21 gennaio u.s. un seminario preparatorio di un Convegno dal titolo provvisorio “La Sinistra dopo Monti”, invitando le Fondazioni Nenni, Brodolini, Buozzi e Di Vagno e, a titolo individuale, esponenti di PD( Damiano e Pittella) e SEL(Bandoli e Gianni).

Sono convenuti 73 compagne e compagni delle associazioni promotrici, i rappresentati delle Fondazioni al massimo livello, intervenuti a titolo personale Bartocci( Brodolini), Benvenuto(Buozzi) e Tamburrano (Nenni), che come ospite del seminario ha aperto i lavori, presieduti dal compagno Geppino Vetrano.

Le relazioni introduttive sono state svolte dai compagni Felice Besostri (portavoce GdV, DN PSI), Franco Bartolomei(segretario nazionale LdS, Segr. Naz. PSI), Lanfranco Turci( portavoce NSE) e Valdo Spini ( presidente MAL).

Complessivamente hanno preso la parola 29 intervenuti, tra i quali Bartocci e Benvenuto delle Fondazioni socialiste e gli invitati Bandoli, Gianni e Damiano. Il presidente della Fondazione Di Vagno, Mastroleo e Luigi Fasce, segretario del GdV e del coordinamento del NSE, hanno inviato contributi scritti.

Alla conclusione dei lavori si è deciso che i relatori si costituiscano in gruppo di lavoro permanente per organizzare la conferenza che si intitolerà, salvo diversa decisione “La Sinistra durante e oltre Monti: come si deve organizzare e con quali riferimenti europei, come deve essere, cosa deve proporre e sulla base di quali valori” per sottolineare che, fin da ora, si deve dare corpo ad una proposta programmatica della sinistra con la quale presentarsi alle elezioni e chiedere di governare il Paese. Sulla legge elettorale è netta la contrarietà ad un voto anticipato con la legge elettorale vigente, che presenta diversi profili di incostituzionalità.

Al Convegno nazionale, da tenersi prima della tornata amministrativa di questa primavera, saranno invitati i partiti PD, PSI e SEL ed anche della FDS, che si vogliano confrontare come sinistra di governo e le Fondazioni socialiste e di sinistra interessate. Altra decisione unanime è un’iniziativa nei confronti del PSE, per una sua trasformazione in un partito europeo transnazionale, cui possano aderire con diverse modalità, tutti coloro, singoli o associati, che condividano lo Statuto e la Dichiarazione dei Principi del PSE.

L’adesione al PSE anche del PD e di SEL oltre al PSI, già aderente, è un obiettivo condiviso, per innescare un processo di aggregazione di una sinistra italiana espressione del socialismo europeo. Il Gruppo di lavoro permanente può decidere di nominare un portavoce e di allargarsi con altri esponenti delle associazioni promotrici, delle Fondazioni o dei Partiti interlocutori, organizzandosi in sottogruppi con compiti specifici. Le associazioni promotrici assumono l’impegno di ritrovarsi con cadenza regolare prima della Conferenza sull’oggi e il domani della sinistra italiana.

Felice Besostri - Gruppo di Volpedo (Direzione Nazionale PSI)

Franco Bartolomei - Lega dei Socialisti (Segreteria Nazionale PSI)

Lanfranco Turci - Network per il Socialismo Europeo

Valdo Spini - Movimento di Azione Laburista

A scanso di equivoci: la Sinistra Socialista si oppone al governo Monti !


di Carlo Felici

A scanso di equivoci e di eventuali dubbi su quella che è la posizione della Sinistra Socialista sul governo Monti, sento di esprimere quanto segue:La Sinistra Socialista non si identifica in alcun modo con l'operato del senatore Vizzini, che viene considerato dal segretario del PSI l'interprete della volontà del PSI e colui che vota la fiducia al governo Monti in nome di tale partito, ma che piuttosto la conceda a titolo personale. La Sinistra Socialista infatti si situa all'opposizione del governo Monti per i seguenti motivi:

1) Non approva la tassa sulla prima casa di abitazione

2) E' favorevole ad una patrimoniale che tale governo non ha varato

3) Non approva la riforma pensionistica varata dal governo

4) Non approva le spese militari inerenti all'acquisto di bombardieri e per quelle bombe che il governo ha autorizzato a lanciare sull'Afghanistan. Ritiene che il miglior modo di proteggere i nostri militari sia quello di farli tornare a casa.

5) E' favorevole ad una legge immediata che regoli il conflitto di interessi

6) Ritiene che i soldi varati per le cosiddette grandi opere debbano piuttosto essere utilizzati per finanziare gli enti locali.

7) Non è favorevole in alcun modo alla penalizzazione perdurante delle regioni del Meridione.

8) E' favorevole alla tobin tax e a leggi che colpiscano i grandi monopoli, specialmente nel settore pubblicitario e televisivo

9) Ritiene che debba essere varata immediatamente una nuova legge elettorale che consenta di restituire al più presto la sovranità al popolo, mediante elezioni anticipate.

10) Non approva in alcun modo i perduranti tagli al settore della formazione e della ricerca ed è contraria ad ulteriori accorpamenti di istituti scolastici già sull'orlo del collasso

Per queste ed altre innumerevoli ragioni, la Sinistra Socialista, se oggi fosse in Parlamento, negherebbe decisamente la fiducia al governo Monti concedendogli esclusiva ed unica facoltà di fare una nuova legge elettorale per tornare a votare al più presto.

Se in tal modo ho male interpretato la posizione della Sinistra Socialista, chiedo di esserne espulso immediatamente, perché penso che da tale posizione, anche per quel che è apparso nel recente confronto di sabato scorso tra tutte le componenti sparse nella sinistra italiana, non si debba in alcun modo recedere.

C.F.


venerdì 27 gennaio 2012

Se si parla di Lega non c’è “libero fischio in libera piazza”

Il sit-in di mercoledì scorso al Viminale, in cui militanti socialisti hanno esposto decine di tricolori prima di essere sgomberati dalla polizia, è stato solo l’ultimo manifestarsi di un paradosso sempre più frequente in Italia: la censura dei simboli dell’unità nazionale da parte delle forze dell’ordine. Ancora prima dei fatti del 22 gennaio a Milano, il braccio censorio della legge è entrato in azione a Civitanova Marche (MC), dove 6 politici del centrosinistra sono stati indagati per aver manifestato con il tricolore e aver cantato l’inno di Mameli.

LA COINCIDENZA – Era il 24 settembre dello scorso anno. Ivo Costamagna, segretario della Federazione provinciale del Psi di Macerata, con altre forze politiche del centrosinistra aveva organizzato un banchetto in Piazza XX Settembre. L’iniziativa, che veniva replicata da 5 sabati ed era stata autorizzata dalla questura, consisteva in una raccolta firme per promuovere le primarie del centrosinistra per le amministrative di maggio. Il caso ha voluto che, per lo stesso giorno e a pochi metri di distanza, fosse stata organizzata la finale di Miss Padania. Prima del concorso di bellezza si sarebbe tenuto un comizio di Luca Rodolfo Paolini, deputato leghista.

L’AVVERTIMENTO – La notizia della concomitanza dei due eventi si era sparsa qualche giorno prima, così i militanti del centrosinistra erano più numerosi del solito e “armati” di bandiere tricolore. Poco prima che il comizio di Paolini cominciasse, srotolate le bandiere una sessantina di persone attraversavano la strada raggiungendo il luogo del concorso leghista e intonando l’inno di Mameli contestavano il parlamentare del Carroccio. «Dopo poco mi si è avvicinato un uomo che non conoscevo», testimonia Ivo Costamagna. «Mi ha detto che sarebbe stato opportuno smetterla – prosegue – e si è presentato come vicequestore aggiunto».

QUANTO ZELO – Dopo non più di un quarto d’ora, giusto il tempo di richiamare l’attenzione dei manifestanti e potersi spiegare, Costamagna convinceva i presenti ad assecondare la richiesta del funzionario di polizia, rientrando al banchetto pur proseguendo a intonare l’inno nazionale. Nessun incidente, né con la polizia né con i pochissimi spettatori leghisti del comizio. Per Costamagna e gli altri militanti «era finito tutto lì». Non avevano fatto i conti con lo zelo del vicequestore.

LE INDAGINI – Una decina di giorni fa, a oltre 3 mesi di distanza dall’accaduto, 6 esponenti politici presenti a quella manifestazione si sono visti recapitare un avviso di conclusioni delle indagini, un passaggio che in genere precede una richiesta di rinvio a giudizio. Oltre a Costamagna, destinatari dell’avviso sono il candidato alle primarie Tommaso Claudio Corvatta (Fds), Giorgio Berdini (Pd), Luigi Carlocchia (Sel), Amedeo Regini e Grazia Pierluca (Citt@verde). L’ipotesi è che i sei abbiano dato vita a una manifestazione non autorizzata e abbiano contravvenuto a un ordine di Pubblica sicurezza.

IL PARADOSSO – «Accuse assurde» a giudizio del segretario federale del Psi, «perché sia la nostra manifestazione che quella leghista da noi contestata erano autorizzate. Inoltre, quello del vicequestore non era un ordine ma un invito, al quale per altro ci siamo attenuti». Sembrerebbe il colmo, invece si raggiunge il paradosso. Infatti, è lo stesso Paolini a scagionare gli accusati: «Si è trattato di una contestazione condotta in maniera civile», ha dichiarato all’Avanti!online il deputato leghista. «Urlavano cori e cantavano, ma io ho potuto parlare tranquillamente – ha aggiunto – e in nessun momento ho avuto l’impressione che ci fosse una situazione di pericolo». In conclusione Paolini ha espresso l’augurio «che tutto si chiuda con una archiviazione». E pensare che si sarebbe potuto evitare tutto. Sarebbe bastato tener presenti le parole del presidente Sandro Pertini: «Libero fischio in libera piazza».

Nicola Bandini

Il sit-in di mercoledì scorso al Viminale, in cui militanti socialisti hanno esposto decine di tricolori prima di essere sgomberati dalla polizia, è stato solo l’ultimo manifestarsi di un paradosso sempre più frequente in Italia: la censura dei simboli dell’unità nazionale da parte delle forze dell’ordine. Ancora prima dei fatti del 22 gennaio a Milano, il braccio censorio della legge è entrato in azione a Civitanova Marche (MC), dove 6 politici del centrosinistra sono stati indagati per aver manifestato con il tricolore e aver cantato l’inno di Mameli.

LA COINCIDENZA – Era il 24 settembre dello scorso anno. Ivo Costamagna, segretario della Federazione provinciale del Psi di Macerata, con altre forze politiche del centrosinistra aveva organizzato un banchetto in Piazza XX Settembre. L’iniziativa, che veniva replicata da 5 sabati ed era stata autorizzata dalla questura, consisteva in una raccolta firme per promuovere le primarie del centrosinistra per le amministrative di maggio. Il caso ha voluto che, per lo stesso giorno e a pochi metri di distanza, fosse stata organizzata la finale di Miss Padania. Prima del concorso di bellezza si sarebbe tenuto un comizio di Luca Rodolfo Paolini, deputato leghista.

L’AVVERTIMENTO – La notizia della concomitanza dei due eventi si era sparsa qualche giorno prima, così i militanti del centrosinistra erano più numerosi del solito e “armati” di bandiere tricolore. Poco prima che il comizio di Paolini cominciasse, srotolate le bandiere una sessantina di persone attraversavano la strada raggiungendo il luogo del concorso leghista e intonando l’inno di Mameli contestavano il parlamentare del Carroccio. «Dopo poco mi si è avvicinato un uomo che non conoscevo», testimonia Ivo Costamagna. «Mi ha detto che sarebbe stato opportuno smetterla – prosegue – e si è presentato come vicequestore aggiunto».

QUANTO ZELO – Dopo non più di un quarto d’ora, giusto il tempo di richiamare l’attenzione dei manifestanti e potersi spiegare, Costamagna convinceva i presenti ad assecondare la richiesta del funzionario di polizia, rientrando al banchetto pur proseguendo a intonare l’inno nazionale. Nessun incidente, né con la polizia né con i pochissimi spettatori leghisti del comizio. Per Costamagna e gli altri militanti «era finito tutto lì». Non avevano fatto i conti con lo zelo del vicequestore.

LE INDAGINI – Una decina di giorni fa, a oltre 3 mesi di distanza dall’accaduto, 6 esponenti politici presenti a quella manifestazione si sono visti recapitare un avviso di conclusioni delle indagini, un passaggio che in genere precede una richiesta di rinvio a giudizio. Oltre a Costamagna, destinatari dell’avviso sono il candidato alle primarie Tommaso Claudio Corvatta (Fds), Giorgio Berdini (Pd), Luigi Carlocchia (Sel), Amedeo Regini e Grazia Pierluca (Citt@verde). L’ipotesi è che i sei abbiano dato vita a una manifestazione non autorizzata e abbiano contravvenuto a un ordine di Pubblica sicurezza.

IL PARADOSSO – «Accuse assurde» a giudizio del segretario federale del Psi, «perché sia la nostra manifestazione che quella leghista da noi contestata erano autorizzate. Inoltre, quello del vicequestore non era un ordine ma un invito, al quale per altro ci siamo attenuti». Sembrerebbe il colmo, invece si raggiunge il paradosso. Infatti, è lo stesso Paolini a scagionare gli accusati: «Si è trattato di una contestazione condotta in maniera civile», ha dichiarato all’Avanti!online il deputato leghista. «Urlavano cori e cantavano, ma io ho potuto parlare tranquillamente – ha aggiunto – e in nessun momento ho avuto l’impressione che ci fosse una situazione di pericolo». In conclusione Paolini ha espresso l’augurio «che tutto si chiuda con una archiviazione». E pensare che si sarebbe potuto evitare tutto. Sarebbe bastato tener presenti le parole del presidente Sandro Pertini: «Libero fischio in libera piazza».

Nicola Bandini

Sinistra, Ecologia e Ambiguità


di Matteo Pucciarelli

C’era una volta il Pd che per due anni si dilaniò perché non sapeva dove collocarsi in Europa. Nel Pse o fra i liberaldemocratici? Gli ex Ds contro gli ex Margherita, Veltroni con gli ex Ds ma anche con gli ex Margherita. Una guerra. Finita con l’unico modo possibile: un democristianissimo compromesso, cioè cambiare il Pse in “alleanza dei partiti socialisti e democratici”. Lo stesso problema, adesso, si ripropone in Sinistra Ecologia a Libertà. Ma non sarà una scelta a due. Bensì a tre. Affiliare il partito ai socialisti europei (di cui Vendola è membro), alla sinistra (quella che fondò Bertinotti, padre politico di Vendola), oppure ai verdi (”Ecologia”)? La scelta non è facile, e allora Vendola nei giorni scorsi al Manifesto ha tirato fuori una frase degna del veltronismo più spinto: «Se potessi, prenderei tre tessere in Europa: quella della Sinistra, che ho contribuito a costruire, quella del socialismo che oggi gioca una partita rilevante per cambiare il segno al continente, e dei Verdi che su alcune questioni hanno colto in anticipo i nodi di fondo». Il problema è che per fare una cosa del genere Sel dovrebbe avere il dono dell’ubiquità. E va bene che Vendola è cattolico, ma una Trinità del genere in Europa non è ancora concessa.

Non è questione di lana caprina. Di mezzo c’è la natura stessa del partito. Se rappresentare un’altra, ennesima, sinistra riformista oppure proporsi come alternativa. Se le intenzioni di Sel sono quelle di governare per governare (vedi Pd), oppure tentare di governare ma per cambiare. In Italia come in Europa. Quindi se rincorrere il Pd sempre e comunque, o se lavorare per rendersi autonoma e possibilmente unificare le spinte dal basso che chiedono progettualità radicali ma non per questo velleitarie, vedi il movimento degli Occupy e gli indignados.
Per ora gli indizi sembrano tutti indirizzati a trasformare Sel in dei Ds versione mignon: cioè un partito organico al Pse (dove, per dire, Tony Blair ha pontificato per anni con ipotesi neo-liberiste) destinato a diventare la succursale radical del Pd, accettando tutti i diktat delle varie Ue, Bce, Fmi, Nato, Chiesa e compagnia cantante. Perché se da una parte le battaglia di Sel contro la precarietà, contro le spese militari, in difesa dell’articolo 18 e a fianco della Fiom, per lo sviluppo sostenibile e così via sono le stesse di sempre e tengono buona la base, dall’altra l’opposizione al governo Monti appare debolissima e la parola “anticapitalismo” è bandita. Proprio adesso che il capitalismo sta dimostrando il suo spettacolare fallimento.

È strano il destino della sinistra italiana. Costretta a moderarsi, fino a snaturarsi, pur di raggiungere la possibilità di governare. Come se si vergognasse della propria identità e del proprio passato. Incendiaria da giovane, pompiera da adulta. Dal movimento no global del 2001 a una coalizione con l’Udc. Eppure, e Sel dovrebbe essere la prima a saperlo, le scelte nette finora hanno pagato: Pisapia, De Magistris e Zedda sono lì a dimostrarlo.


La sinistra di fronte ad una crisi del modello economico che spezza la coesione sociale e travolge le rappresentanze politiche

di Franco Bartolomei

Quando un paese esplode a dispetto delle sue tradizionali rappresentanze politiche può accadere di tutto .

Un sistema politico-istituzionale di un paese si avvia alla propria fine quando la rottura della coesione sociale del suo tessuto civile si somma ad una crisi latente del suo sistema di rappresentanze politiche, rendendo irreversibile una progressiva difficolta' a contenere entro le proprie regole il conflitto sociale che monta di fronte al precipitare della crisi del suo modello economico di riferimento.

Oggi in Italia esiste il rischio concreto che si inneschi una spirale micidiale in grado di aprire la strada ad una involuzione del nostro tessuto democratico. I fenomeni che denotano i sintomi di una rottura della tenuta sociale sono ormai molteplici.

Per fare solo alcuni esempi cito il movimento dei “forconi” siciliani, la protesta dei pescatori, i blocchi stradali dei camionisti, l'ira che sta montando verso l'equitalia, l'atteggiamento aggressivo delle categorie colpite dalle cosiddette liberalizzazioni ,come i tassisti, o alcuni ordini professionali, la volontà di opposizione delle popolazioni della Val di Susa, le rivolte per la "munnezza", il successo dei " Grillini", la forza dei movimenti per la difesa dei beni comuni ,per non dire della ripresa di una tenace conflittualita'operaia in difesa del salario e della occupazione, e di tantissimi altri fenomeni diffusi di protesta sociale, più o meno ampi, piu' o meno coscienti di se',o più o meno illuminati dai riflettori mediatici.

Movimenti tutti diversi tra di loro, a volte contraddittori e confusi nel segnale politico che inviano, molti privi di alcun progetto definito oltre la protesta, ma tutti sintomatici di un clima di insofferenza verso un sistema politico che non garantisce più alcun livello minimo di rappresentanza della domanda sociale e delle esigenze dei territori.

La stessa difficolta' del " Movimento Anticrisi", la piu' complessiva e cosciente realta' di contestazione del sistema vista finora, a riprendere il suo cammino dopo le provocazioni subite alla grande manifestazione del 15 ottobre, non ha assolutamente prodotto alcun abbassamento del livello di guardia della temperatura sociale.

Al contrario l'esaurimento del suo ruolo di supplenza critica rispetto alla inazione della sinistra" ufficiale" rischia di ampliare il vuoto di rappresentanza esistente, favorendo fenomeni di ribellismo e populismo facilmente in grado di approdare a derive autoritarie di massa.

Questo e' ormai divenuto un sistema politico che non riesce a governare le spinte e le contraddizioni di una società i cui livelli di crescita sono destinati ad esaurirsi progressivamente, ed in cui la crisi di oggi non può più, come poteva avvenire in passato, essere controllata attraverso un qualsiasi investimento psicologico collettivo su un futuro prossimo migliore, allo stato assolutamente inesistente.

Forze politiche, ormai autoreferenziali, incapaci culturalmente, prima ancora che politicamente, di pensare ad un diverso modello di rapporti sociali, totalmente assorbite nella gestione di una quotidianità che non risponde più alle aspettative di una società finora abituata a concepire lo sviluppo come una costante del proprio divenire, non sono in grado di garantire un minimo di coesione sociale ad una comunità sempre più cosciente del rovinoso fallimento del modello di sistema che ne ha costituito, fin ora, l’esclusivo orizzonte culturale, economico, sociale e politico di riferimento.

E' chiaro che in questa situazione la Sinistra deve essere pronta ad assumere su di sé responsabilità straordinarie, in termini di capacità progettuale e di coraggio nella sua azione politica, altrimenti finisce inghiottita anch'essa nel baratro di una crisi di sistema complessiva, con conseguenze nefaste per la stessa sopravvivenza della nostra democrazia.

La vera capacità della Sinistra deve essere quella di recuperare una propria autonoma visione alternativa dei rapporti sociali e dei processi di sviluppo, attraverso la definizione di programmi concreti su cui tentare di ricostruire quel filo della rappresentanza che costituisce il fondamento del governo democratico di una comunità, su cui si misura la tenuta politica di un progetto di cambiamento che deve poter legare a sé anche le fasce sociali oggi invischiate nel ribellismo senza speranza.

Non abbiamo altra scelta fuori da un progetto generale di cambiamento per tentare di ricomporre un tessuto sociale lacerato dai conflitti prodotti dalla autodistruzione di un patto generale di convivenza tra i soggetti sociali, generato dalla crisi di un modello di crescita fondato sulla sottovalutazione dell’apporto lavorativo e creativo degli individui alla produzione della ricchezza reale.

Le classi dirigenti economiche e finanziarie,responsabili delle scelte che hanno generato la crisi ,stanno attuando una politica di contenimento forzato dei bilanci nazionali, utilizzando i mercati finanziari come un grimaldello sociale ed uno strumento di condizionamento e di pressione nei confronti d classi politiche nazionali ,deboli, spaurite, impreparate culturalmente, e ricattabili nei loro comportamenti privati e pubblici.

Questa pressione finanziaria, diretta a terrorizzare tutto l'universo del risparmio, ha come fine il completamento di tutti i processi di flessibilizzazione del mercato del lavoro, e di privatizzazione dei servizi pubblici necessari ad alleggerire ulteriormente la spesa pubblica, nel tentativo di sostenere processi residuali di crescita dalle flebili prospettive, tutti rivolti , in ogni caso, a ricercare eclusivamente un numero limitato di possibilita' imprenditoriali interne sostitutive del pubblico, o una lieve implementazione di opportunita' professionali , in un quadro di competizione internazionale difficilissimo per economie finora equilibrate attraverso l'adozione concertata di superiori parametri di garanzie sociali.

Il Governo Monti, nato anche in conseguenza della indecenza della nostra classe politica , non interpreta alcuna significativa eccezione rispetto a questa ggenerale linea di tendenza programmatica.

E' stato costituito e lavora, infatti, per accelerare, in stato di emergenza, tutti i processi, ancora mancanti, di adeguamento della nostra costituzione materiale al disegno delle tecnocrazie finanziarie responsabili della crisi, finora non ancora perfezionati del tutto solo per via delle paure e delle contraddizioni di un sistema politico non sufficentemente consapevole della crisi sistemica in atto.

Un sistema politico ormai in piena crisi di credibilita' e rappresentanza, che si era illuso con estrema incoerenza di poter riuscire ad evitare di dover adempiere alle estreme logiche conseguenze attuative di questo modello di sistema economico , finanziario e monetario, a cui ha da tempo manifestato la sua adesione, o meglio offerto la sua abdicazione, che oggi si trova nelle condizioni di dover tentare una sua ultima e costosissima difesa.

Questa presunta messa in sicurezza degli equilibri del debito sovrano nella zona Euro , finalizzata in prima istanza a coprire o assorbire lo stato di insolvenza potenziale del sistema bancario occidentale, rappresenta la premessa del disegno in arrivo di tentare di riattivare il sistema precedente con una grande immissione di liquidita' nel mercato bancario e finanziario, senza introdurre modifiche strutturali al modello esistente, andato in corto circuito, che individua il momento finanziario come il fattore portante di processi di crescita continuativa del mondo sviluppato .

Ci riusciranno, probabilmente solo in modo parziale e per un periodo limitato, e sicuramente a prezzo di forti processi inflattivi , di tensioni sociali molto aspre, e di un mantenimento di alti tassi di disoccupazione all'interno di un progressivo ulteriore restringimento dlla base produttiva reale.

Si tratta di un disegno miope e pericoloso, che pensa di poter gestire un processo di impoverimento tendenziale delle nostre economie mettendo addirittura in discussione l'organizzazione democratica delle nostre societa', assolutamente ottuso nel suo rifiuto di affrontare la ragione strutturale della crisi costituita dall'esaurimento di tutti i modelli capitalistici di crescita sostenuta finora conosciuti e praticati dalle economie avanzate dell'occidente sviluppato.

La soluzione della crisi e' quindi , oggi piu' che mai , affidata alla capacita' del Socialismo Europeo, e delle grandi forze che nei paeasi emergenti ad esso fanno riferimento, di definire e proporre un nuovo modello di sviluppo produttivo, fondato su diversi parametri di valutazione della ricchezza sociale ed individuale, e su nuovi modelli culturali di riferimento nella considerazione dell'essere sociale dell'individuo, che consentano di riorganizzare una societa' ad alti livelli di convivenza sociale e civile anche in presenza di una tendenziale restrizione della crescita quantitativa attraverso un processo generale di riconversione selettiva e socialmente qualificata delle scelte produttive.

Nuovi riferimenti che costituiscano la premessa di una programmazione delle scelte economiche come momento di governo delle comunita', di una riqualificazione complessiva della domanda e dei consumi, della riaffermazione della supremazia dei giudizi sociali di valore, democraticamente selezionati. rispetto alle logiche dei processi economici e finanziari, e di un superiore equilibrio dei rapporti sociali in cui il lavoro e l'ingegno creativo tornino ad essere i fondamenti della vita sociale e dei processi economici.

Nell'immediato sara' necessario legare la contestazione ai provvedimenti del governo a questa prospettiva generale di riferimento ,valutandoli caso per caso in base alla loro incompatibilita' o meno con il mutamento strutturale dei rapporti economici e dei processi sviluppo che deve costituire il nostro concreto orizzonte di riferimento.

In tal modo riusciremo a trasmettere al paese il messaggio di una volonta' di cambiamento fondata su una visione alternativa dello sviluppo, lontana da qualsiasi subalternita' ad un riassetto restrittivo delle politiche fiscali e previdenziali ispirato ad una logica monetarista, ed in contrasto con ogni disegno di ristrutturare il mercato del lavoro ed i rapporti sociali cancellando la complessiva contrattualita' sociale del mondo del lavoro.

Se saremo in grado di fare questo salveremo le vere ragioni della rappresentanza sociale della sinistra italiana, i valori costituzionali della nostra Democrazia, e la nostra idea di una Europa libera e sociale .

Se non saremo all'altezza di questo compito storico assisteremo alla fine della stessa idea del Socialismo, e , con essa, delle nostre speranze .

FRANCO BARTOLOMEI - Segreteria Nazionale del Partito Socialista Italiano

martedì 17 gennaio 2012

"La Sinistra dopo Monti: come dovrebbe essere, cosa dovrebbe fare, come dovrebbe organizzarsi in Italia e in Europa"

Si rende nota la scaletta di preparazione del Convegno "La Sinistra dopo Monti: come dovrebbe essere, cosa dovrebbe fare, come dovrebbe organizzarsi in Italia e in Europa" che avrà luogo il GIORNO 21 gennaio 2012 presso la Fondazione Nenni via Caroncini 19 Roma- Parioli Telefono 06 8077486
orario inizio h. 10.30 fine 16,00

10. 30 Apertura Lavori e adempimenti preliminari ( presidenza, formazione gruppo di lavoro "Seguito Seminario")
Saluto di benvenuto e intervento del compagno Giuseppe TAMBURRANO (Fondazione Nenni) 10/15 minuti. Gli scopi del Seminario e del Convegno, relazioni di 15 minuti di:

Felice BESOSTRI - Gruppo di Volpedo, direzione nazionale PSI
Franco BARTOLOMEI - Lega dei Socialisti, segreteria nazionale PSI
Lanfranco TURCI Network - per il Socialismo Europeo
Valdo SPINI - Movimento di Azione Laburista

Apertura interventi dei delegati delle associazioni promotrici, invitati e Fondazioni. Tempo di intervento 5/7 minuti. Fondazioni e invitati 10 minuti. Sarà adottato un criterio di rotazione tra i delegati delle associazioni promotrici. Sono presenti per le Fondazioni i compagni Enzo BARTOCCI ( Fondazione Brodolini), Giorgio BENVENUTO (Fondazione Buozzi) da confermare la presenza del compagno Vito MASTROLEO (Fondazione DI VAGNO). Hanno altresì confermato la loro presenza Alfonso GIANNI e Fulvia BANDOLI (SEL).
Non è prevista sospensione dei lavori per pausa pranzo. Durante la mattinata saranno raccolte le prenotazioni per servizio bar.

ore 16,00 termine lavori assembleari

h. 16-17.30 Riunione rappresentanti delle associazioni promotrici e Fondazioni e gruppo di lavoro "Seguito Seminario" per comunicato finale e cronoprogramma lavori.

Come raggiungere la Fondazione Nenni con mezzi pubblici:
Capolinea bus 217 a Stazione Termini scendere alla fermata Parioli SANTIAGO DEL CILE girare a dx in via Borsi che diventa Caroncini passata via Fauro.
*****
Il Seminario è a numero chiuso e riservato ai delegati dellee associazioni promotrici, alle Fondazioni aderenti e agli invitati (Damiano e Pittella del PD chiedono di essere informati del seguito, anche se quel giorno c'è l'assemblea nazionale del loro partito)
Ciascuna associazione promotrice è invitata a trasmettere il programma e le indicazioni operative ai propri delegati (soluzione gradita).


Cingoli piange la scomparsa di Olivo Sabbatini

E’ scomparso Olivo Sabbatini. E’ stato uno dei pilastri dell’Anpi cingolana e dal 2009 era stato nominato Presidente Onorario della sezione di Cingoli. “Lo ricordiamo” scrivono l’Anpi di Cingoli e quella provinciale “e per la sua volontà, per la sua tenacia e per il suo carattere gioioso e sempre positivo nell’affrontare le difficoltà della vita.

Staffetta nel territorio jesino e cingolano nel periodo della Resistenza, uomo forte che aveva attraversato il fronte per tre volte; uomo altruista sempre al servizo degli altri. Olivo credeva fortemente nei valori dell’Anpi e nel far conoscere alle nuove generazioni la Resistenza, per questo tutti gli anni si recava presso le scuole a raccontare la sua vita, la sua storia, la storia di tanti giovani uomini e donne che a quel tempo scelsero di divenire Partigiani per difendere l’idea di libertà. Esortava i ragazzi a volersi bene perchè siamo tutti fratelli, senza distinzione di colore e religione. Ciao Compagno Partigiano, straordinario esempio per l’Italia di oggi”.

Il funerale si svolgerà domani, mercoledì 18 gennaio, alle ore 9.30 muovendo dall’ospedale di Cingoli verso la chiesa di Sant’Esuperanzio dove alle 10 sarà celebrata la Messa.


venerdì 13 gennaio 2012

COMUNICATO STAMPA - IL SEGRETARIO REGIONALE PSI – MARCHE

Il Segretario

Ancona - 11/01/2012
COMUNICATO STAMPA

La moralizzazione dei costi della politica non può significare limitare la democrazia e la rappresentanza istituzionale - Il PSI delle Marche decisamente contrario alla proposta di legge del Presidente Gianmario Spacca.
Il PSI è stato uno dei primi a presentare, attraverso il suo consigliere Moreno Pieroni, una proposta di legge per alleggerire i costi della politica, moralizzare la spesa pubblica, abbattere i privilegi dei consiglieri regionali.
Quindi senza ombra di dubbio siamo favorevoli e disponibili a discutere tutte quelle proposte di legge che abbiano come obiettivo la riduzione dei privilegi e dei costi della politica.
Ma con la stessa fermezza siamo contrari a quelle proposte demagogiche e populiste, che nei fatti oltre a contenere i costi della politica , rappresentano un vero attacco alla democrazia rappresentativa e alla più ampia partecipazione istituzionale delle forze democratiche presenti in Italia e nelle Marche.
La posizione dei socialisti sulla moralizzazione dei costi della politica è stata rappresentata al Presidente Spacca in tempi non sospetti, subito dopo la presentazione della nostra proposta di legge, su cui ebbe ad esprimere un consenso di massima.
In quella circostanza evidenziammo la nostra piena disponibilità, al ridimensionamento del numero degli assessori esterni, alla riduzione delle indennità, nonché alla eliminazione del vitalizio, ma affermammo con decisione la nostra contrarietà alla riduzione dei consiglieri regionali, poiché questo avrebbe significato l’eliminazione dall’istituzione regionale della gran parte delle forze politiche presenti nel tessuto democratico di questa Regione.
Ribadiamo in questa circostanza che la proposta del Presidente Spacca,così come apparsa sulla stampa regionale, a nostro avviso è demagogica, populista ed antidemocratica, tendente nei fatti ad eliminare dal parlamento regionale significative forze politiche che hanno contribuito alle conquiste democratiche della nostra Regione e che mantengono ancora un forte radicamento nel tessuto sociale delle Marche.
Una proposta che nei fatti configura,sotto mentite spoglie,il mantenimento del “porcellum nazionale”, nel mentre milioni di italiani hanno chiesto il referendum per abolirlo, ed il diritto di rappresentanza istituzionale soltanto ai due maggiori partiti di maggioranza ed opposizione.
I Socialisti delle Marche si opporranno fermamente a tale proposta di legge, chiamando a raccolta tutte le altre forze politiche presenti nel parlamento regionale e nelle istituzioni marchigiane, contro la convergenza “bipartizan” di PD e PDL che consentirebbe,impropriamente ed in maniera antidemocratica,soltanto a queste forze politiche di rappresentare i marchigiani nella regione.

I socialisti ribadiscono la loro piena disponibilità su una proposta di legge che colpisca i privilegi della politica, ne riduca anche drasticamente i costi ,ma mantenga la rappresentanza “parlamentare regionale “ a 40 consiglieri (+ il Presidente) con la stessa spesa necessaria, prevista o prevedibile per una Assemblea Regionale di 30 consiglieri.
In sostanza si alla riduzione dei costi previsti per trenta consiglieri, ma lasciando la rappresentanza istituzionale con 40 consiglieri, per non mortificare la partecipazione territoriale e la rappresentanza democratica .

I socialisti sfidano il Presidente Spacca ed i partiti maggiori a dimostrare la loro buona fede,contenendo i costi senza limitare la democrazia ed evitando che la partecipazione democratica alla vita politica sia solo prerogativa di un “censo” ricco e benestante, ma che venga consentita a tutti, anche ai partiti e movimenti minori,così come garantito dalla Costituzione Italiana.

IL SEGRETARIO REGIONALE PSI –MARCHE
(Dr. Luciano Vita)


TUTTI I POST - ARCHIVIO