martedì 15 settembre 2009

LANFRANCO TURCI, DIRIGENTE DI SINISTRA E LIBERTA'

NOI VOGLIAMO LANFRANCO TURCI TRA
I DIRIGENTI NAZIONALI DI SINISTRA E LIBERTA'!!!

di Mario Francese

LO STORICO, ATTIVO E LUCIDISSIMO
COMPAGNO LANFRANCO TURCI SI E' DIMESSO POCHI MESI FA DALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PARTITO SOCIALISTA IN APERTA ED ESPRESSA POLEMICA CON LE CONTRADDIZIONI, LE AMBIGUITA' ED I RALLENTAMENTI CHE LA SEGRETERIA DI QUELLO STESSO PARTITO STA IMPRIMENDO AL PERCORSO VERSO IL SOGGETTO POLITICO UNICO DI SINISTRA E LIBERTA'.

NOI VOGLIAMO LANFRANCO TURCI TRA I DIRIGENTI NAZIONALI DI SINISTRA E LIBERTA' !!! SOTTOSCRIVETE E DIFFONDETE QUESTA NOTA! LA SINISTRA SIAMO VOI. NESSUNO SI SENTA ESCLUSO!

Lanfranco Turci è nato a Campogalliano (Modena), il 2 dicembre 1940. Laureato in "Lettere" all'Università di Bologna. Iscritto fin da giovane al Partito Comunista Italiano è stato tra l'altro anche responsabile provinciale della Fgci di Modena. Con il PCI (nella corrente migliorista) fu eletto consigliere regionale dell'Emilia-Romagna nel 1970, nella fase di costruzione dell'ordinamento regionale. Negli anni successivi è stato dapprima assessore alla Sanità e poi Presidente della Giunta regionale dal 1978 al 1987. Dal 1987 al 1992 fu Presidente Nazionale della Lega delle Cooperative. Al congresso della "Bolognina" con Giorgio Napolitano ed Emanuele Macaluso sostenne la necessità di adottare un chiaro riferimento al Socialismo nel nome e nel simbolo del nuovo partito. Con il Partito Democratico della Sinistra e poi con i Democratici di Sinistra fu eletto deputato nel 1992, 1994 e 1996, mentre dal 2001 occupò un seggio al Senato, divenendo membro della IV Commissione Finanze e Tesoro di Palazzo Madama. Fu animatore, con Enrico Morando, Luciano Cafagna ed altri, dell'associazione "LibertàEguale". Sottosegretario all'Industria nel secondo Governo D'Alema, nel 2006 ha abbandonato i DS, dopo le polemiche seguite alle scandalose vicende delle scalate bancarie Unipol/Bnl e lamentando un deficit di laicità nella linea politica del partito. Turci è stato poi il tesoriere del Comitato promotore referendario per l'abrogazione di alcuni disposti della legge 40, e ha aderito alla costituenda Rosa nel Pugno, con la quale è stato eletto deputato per la circoscrizione Toscana. Nella XV Legislatura è stato membro della Commissione Finanze e vice-capogruppo della Rosa nel Pugno alla Camera. Nel luglio 2006, durante la crisi estiva del nuovo soggetto politico, fonda l' "Associazione Per la Rosa Nel Pugno" (affiancandola all'omonimo sito-forum in Internet, tra i più importanti e noti della rete dell'area di Sinistra), con lo scopo di rilanciare l'idea e il progetto della Rosa nel Pugno: alla stessa associazione, guidata dal giovane giornalista Tommaso Ciuffoletti, aderirono tra gli altri l'on. Salvatore Buglio (ex Ds), lo storico e filosofo Biagio De Giovanni, Luciano Cafagna ed Alberto Benzoni. Constatata l'impossibilità di trasformare la Rosa nel Pugno da alleanza a partito, l'Associazione per la RnP promosse il convegno di Bertinoro, lanciando l'idea di una Costituente di tutte le forze di matrice Laica e Socialista Liberale: tale iniziativa politica trovò l'assenso dello SDI, del Nuovo Psi, dei Socialisti Italiani e dal gruppo di ex-diessini guidati da Gavino Angius che poi hanno dato vita alla Costituente per il Partito Socialista. Candidato alle elezioni politiche del 2008 quale capolista del Partito Socialista nella circoscrizione Lombardia 2, non è risultato eletto in quanto il partito, non superando la soglia del 4% all'elezione dei rappresentati alla Camera dei Deputati, non ha ottenuto alcuna rappresentanza. È stato il primo firmatario della mozione "Prima la Politica", che ha candidato l'europarlamentare Pia Locatelli alla segreteria del Partito Socialista, in vista del congresso fondativo del PS che si è tenuto il 4,5 e 6 luglio 2008 a Montecatini Terme. La mozione ha ottenuto il 25% dei voti congressuali e ha infine appoggiato la candidatura alla segreteria di Riccardo Nencini, in cambio dell'elezione di Pia Locatelli alla presidenza del Consiglio nazionale del PS. Lanfranco Turci è poi entrato a far parte della segreteria nazionale del PS da cui si è dimesso pochi mesi fa per le ragioni sopra menzionate.

18 commenti:

  1. Ovviamente, sono il primo sottoscrittore!

    RispondiElimina
  2. Pier Luigi Camagni15 settembre 2009 09:57

    Sottoscrivo assolutamente! Ho grandissima stima di Lanfranco e ne appezzo capacità e lucidità politica.

    RispondiElimina
  3. Giuseppe Chiofalo15 settembre 2009 09:58

    ...Mi pare superfluo sottolineare che non si puo' fare a meno dell'intelligenza e del lavoro di Lanfranco.

    RispondiElimina
  4. Non partecipo al processo costituente di SeL, ma, se è per Lanfranco, la mia firma di sostegno non può certo mancare!

    RispondiElimina
  5. Raffaele Raf Mauro15 settembre 2009 09:59

    Non è immaginabile che Sinistra e Libertà possa crescere senza l'apporto di Lanfranco !

    RispondiElimina
  6. Sottoscrivo anche io.

    RispondiElimina
  7. Sottoscrivo l'iniziativa di Mario.

    RispondiElimina
  8. Per essere più precisi Lanfranco Turci si è dimesso dalla Segreteria del PS.
    La stima per Lanfranco è fuori discussione ma al punto in cui siamo,non sono più disposto a concedere deleghe in bianco. Gradirei pertanto conoscere da Lanfranco, il suo pensiero e la sua disponibilità perché il 20 a Bagnoli sia avviato senza alcun indugio, il processo costituente di Sinistra e Libertà ed approvate le seguenti proposte :
    a) Istituzione dell'Anagrafe degli iscritti a S&L;
    b) Liste di S&L in tutte le regioni senza nessuna deroga;
    c) Costituzione dei Circoli e dei comitati provinciali e regionali di S&L in tutto il territorio nazionale.

    RispondiElimina
  9. HO STIMA PER TURCI
    MA NON PUò ESSERE IL SUO CURRICULUM A GIUSTIFICARE L'ELEZIONE NELLA DIRIGENZA DI SL. IL CURRICULUM RACCONTA DI QUANTO HA FATTO IN PASSATO. MA PER COME CI TROVIAMO OGGI, CON LA SINISTRA A PEZZI, è MEGLIO NON PRENDERE IL PASSATO COME NOTA DI MERITO.
    SAREBBE BENE CHE SI MOTIVASSE CON LA DECLARAZIONE DI UNA PROGETTUALITA' DI TURCI PER SEL. SAREBBE MEGLIO.

    RispondiElimina
  10. Raffaele Raf Mauro15 settembre 2009 12:04

    Sollecito anche io di nuovo Lanfranco a essere con noi il 20 !
    E a prendere posizione sulle 3 proposte evidenziate da Sandro !

    RispondiElimina
  11. Concordo con Sandro..benvenuto a Turci...ma si parte tutti dalla stessa linea..nuova formazione politica .....nuovi meriti(da conquistare).....

    RispondiElimina
  12. Montauti Luciano15 settembre 2009 12:06

    D'accordo che Lanfranco Turci sia uno di noi!

    RispondiElimina
  13. Sottoscrivo per Lanfranco Turci in Sel.

    RispondiElimina
  14. Andrea Buonajuto15 settembre 2009 18:22

    Sottoscrivo, soprattutto perchè Lanfranco ha una lucida visione di SeL molto realistica e niente affatto velleitaria, a differenza di altri compagni socialisti.

    RispondiElimina
  15. Enrico Antonioni15 settembre 2009 18:23

    In ogni partito di sinistra (tranne quelli comunisti ovvio) i "realisti" della stoffa di Turci sono un "ingrediente" necessario. E' solo dalla sintesi tra "sogno" e "realtà" che può nascere una politica autenticamente socialista.

    RispondiElimina
  16. Raffaele Raf Mauro15 settembre 2009 18:24

    Anche al nostro interno si pone spesso il problema della sintesi tra "realtà" e "sogno". Tanti di noi, nel voler realizzare il sogno SeL sanno bene quali siano le difficoltà.

    RispondiElimina
  17. Enrico Antonioni15 settembre 2009 18:25

    Raf sottolineavo che per arrivare ad una "sintesi" efficace sono necessarie sia la "tesi" che l'antitesi". Un concetto che in quest'Italia permeata di cultura manichea stenta a farsi strada.

    RispondiElimina
  18. Angelo Nicola Scalzone15 settembre 2009 18:25

    SOTTOSCRIVO ANCHE IO.......

    RispondiElimina

TUTTI I POST - ARCHIVIO