lunedì 21 settembre 2009

NENCINI, SÌ A BAGNASCO SULL’ART.54, NO SULL’ORA DI RELIGIONE

SCUOLA: NENCINI, SÌ A BAGNASCO SULL’ART.54
NO SULL’ORA DI RELIGIONE

21/09/2009 - “Non nascondiamo di preferire il cardinal Bagnasco che, nella situazione politica attuale, cita quanto mai a proposito il rispetto dell’articolo 54 della Costituzione e molto meno quello che insiste nel difendere una concezione anacronistica e controproducente dell’ora di religione nella scuola pubblica”. E’ quanto afferma il segretario del Partito socialista, Riccardo Nencini. “Manteniamo tutti i nostri dubbi sull’ora di religione – continua il leader socialista - proprio perché nell’Italia multietnica del ventunesimo, secolo può rappresentare un caso effettivo di discriminazione nei confronti dei diversamente credenti e dei non credenti. E’ evidente infatti che, nonostante le diposizioni legislative e amministrative, l’ora di religione resta nei fatti obbligatoria, e per di più limitata ai confini del cattolicesimo più ortodosso mentre gli insegnanti vengono scelti dalla curia e messi a carico dello Stato. Sarebbe meglio – conclude Nencini - se la Chiesa accettasse una volta per tutte che la fede religiosa può essere solo frutto di una scelta libera, e soprattutto consapevole, senza campagne promozionali a cominciare dai primi anni di scuola”.

Nessun commento:

Posta un commento

TUTTI I POST - ARCHIVIO