martedì 12 maggio 2009

EUROPEE. CEFISI: SINISTRA E LIBERTA'
CON RASMUSSEN PER IL CAMBIAMENTO


12/05/2009 - "Sinistra e Libertà e il Partito Socialista sono particolarmente interessati ad una maggioranza a Strasburgo politicamente definita, a partire dai temi riformisti e ambientalisti, come affermato dal presidente del Pse Rasmussen. E se le elezioni europee daranno un chiaro segnale in questo senso faremo di tutto perché ciò avvenga". Lo ha dichiarato Luca Cefisi, membro della presidenza del PSE e candidato alle elezioni europee DI SINISTRA E LIBERTA', commentando lo scambio di dichiarazioni tra Rasmussen e Cohn Bendit. "Non si può infatti perdere - ha aggiunto Cefisi - l'opportunità di un forte cambiamento politico nell'Europarlamento che metta in discussione perfino la presidenza Barroso". Rasmussen ha riconosciuto oggi, secondo fonti del PSE a Bruxelles, che "su molti temi PSE e Verdi hanno posizioni simili".

IMMIGRAZIONE: LOCATELLI, ONU NON CAPISCE URGENZE ELETTORALI DI BERLUSCONI E MARONI

12/05/2009 - “È sorprendente come le Nazioni Unite siano sorde e insensibili di fronte all’urgenza elettorale di Berlusconi e Maroni. Perche’ insistono tanto a preoccuparsi della possibilita’ che tra gli straccioni ributtati dalle nostre motovedette in Libia, vi siano anche profughi politici?” E’ quanto si chiede ironicamente l’europarlamentare Pia Locatelli, capodelegazione del Ps a Strasburgo e presidente dell’Internazionale socialista donne. “L’Italia che dipinge il nostro governo - continua la Locatelli, candidata nella circoscrizione Nord Ovest per la lista ‘Sinistra e Liberta - sembra assediata da orde di immigrati clandestini, in procinto di invadere la Padania. La verita’ e’ che nel 2008, Spagna, Grecia, Malta e Italia hanno denunciato l’arrivo via mare di 67 mila immigrati. Di questi un terzo circa, soprattutto da Somalia ed Eritrea, e’ arrivato in Italia. Ben il 75% ha chiesto asilo e alla meta’ è stato riconosciuto lo status di rifugiato o un altro tipo di protezione, non qualcuno eccezionalmente come dice Berlusconi. Ma oggi non interessa tutto questo ne’ che la Libia non goda di una buona fama quanto a rispetto dei diritti umani. Palazzo Chighi, Farnesina e Viminale, hanno scoperto uno straordinario spot elettorale e non lo molleranno per le proteste delle organizzazioni internazionali. Insomma, – conclude l’europarlamentare socialista - l’importante e’ non parlare della crisi economica o degli scandali personali del presidente del consiglio. Com’e’ che l’Onu non capisce?”

Nessun commento:

Posta un commento

TUTTI I POST - ARCHIVIO