domenica 10 maggio 2009

IMMIGRAZIONE: LOCATELLI,
MARONI RESPINGEREBBE ANCHE
OPPOSITORI DI GHEDDAFI?


10/05/2009 - “Sulla questione del respingimento degli immigrati, il ministro Maroni cerca di confondere capre e cavoli ma fuori dall’Italia hanno compreso perfettamente la linea di disumanita’ adottata con la complicita’ dell’intero governo, in contrasto perfino con la Bossi-Fini”. E’ quanto afferma l’europarlamentare Pia Locatelli, capodelegazione del Ps a Strasburgo e presidente dell’Internazionale socialista donne. “Il respingimento, o il rimpatrio, - continua la Locatelli, candidata nella circoscrizione Nord Ovest per la lista ‘Sinistra e Liberta - sono ammessi, ma devono comunque avvenire in dignita’ e sicurezza, rispettando il principio di non-refoulement, che vieta di rimpatriare o espellere forzatamente i richiedenti asilo verso Paesi in cui potrebbero essere a rischio di gravi abusi dei diritti umani. Invece i 226 immigrati clandestini, sono stati prima soccorsi in mare e poi sbarcati in Libia, Paese che non aderisce alle convenzioni sul rispetto dei diritti umani, dalle nostre motovedette e senza che fosse stata neppure verificata la nazionalita’ e l’eventuale richiesta di asilo politico. Tra di loro, per esempio – conclude l’europarlamentare socialista - avrebbe potuto esserci anche qualche oppositore di Gheddafi e in questo caso Maroni lo avrebbe semplicemente consegnato al boia”.


IMMIGRAZIONE. CEFISI :
BERLUSCONI APPALTA POLITICA ALLA LEGA
ITALIA BALCANICA



10/05/2009 - Per Luca Cefisi, membro della presidenza del Partito del Socialismo Europeo e candidato di Sinistra e Libertà : "Le parole di Maroni a Vicenza, sulla tessera onoraria della Lega a Berlusconi, sanciscono ufficialmente che che su un punto fondamentale quali le politiche migratorie il "liberale" e "garantista" Berlusconi ha dato in appalto l'azione di governo ai più provinciali e populisti dei suoi alleati. Con i respingimenti in mare si fa strame del diritto e delle garanzie liberali, perchè ai richiedenti asilo viene impedito di accedere alle garanzie della convenzione di Ginevra. Il nuovo slogan contro l'Italia "multietnica" prevede, contro la ragione e la storia, un'Italia monoetnica. Invece che in Europa" ha concluso l'esponente socialista "Berlusconi e Maroni disegnano un futuro "balcanico". C'è da aver paura."

Nessun commento:

Posta un commento

TUTTI I POST - ARCHIVIO